Chi eri tu e chi sei?

Fuori concorso dei bei versi della nostra Amica Adriana De Gaudio, ci fanno riflettere….. in copertina Catrin Welz-Stein: “Lasciare andare”

Maria Catalano Fiore

versi di Adriana De Gaudio

immagini Catrin Welz-Stein

Adriana De Gaudio la nostra amica sensibile, come sempre ogni tanto, apre il suo cuore a temi grandi, se….ma….perché…..o chi eri e chi sei?

Il passato bisogna lasciarlo andare, la nostra vita è fatta di tante scelte piccole e grandi, a volte anche le piccole hanno un peso…. o di scelte che finiscono con il guidare o condizionare tutta la vita. La scelta di studi, di un lavoro, qualcosa che siamo costretti a scegliere o che amiamo scegliere, tanti gli interrogativi nelle nostre vite. Ma poi…. finiranno.

Forse ho azzardato un abbinamento tra questi versi e queste opere, conoscendo Adriana da molto tempo, penso che le piacerebbe un mondo senza brutture e cattiverie dove regnino solo la serenità e la bellezza.

Catrin Weiz-Stein, artista tedesca, ma che vive per il mondo con i suoi due figli, realizza illustrazioni molto particolari e di grande effetto. Crea delle opere surreali ispirate alle favole e all’ Art Noveau. Il suo un surrealismo magico, identificato come “Digital Art”, un matrimonio tra l’arte e le moderne tecnologie, che sia sulle sue tele o trasposto in poster o copertine di libri, si moltiplica in centinaia di immagini che ci conducono in un non-tempo evanescente.

CHI ERI TU E CHI SEI?

Chi eri tu / nel carezzare

il mio volto giovane

e con mano gentile

mi hai offerto profumati

fiori di campo?

Chi eri tu / quando nel dolore

mi hai posta

davanti al muro della / tomba

senza poter respingere

la morte?

Per paura di sbagliare

ho respinto tutte / le tentazioni della vita

per seguire un incerto / tracciato.

Chi sei tu ora / che mi ha tolto il velo

davanti alla cruda realtà?

Una sfida dura, / tempo impietoso,

alla mia muta accettazione

dell’essere mistero

di un progetto d’amore.

Adriana De Gaudio inedita dir.ris.

Per seguirci su Facebook mettete il “mi piace” sulla pagina La Voce News o iscrivetevi al gruppo lavocenews.it. Grazie.