Due disegni a carboncino di Salvator Dalì rinvenuti a Barcellona

Ritrovate alcune opere d’arte rubate, attribuibili ai due principali artisti della capitale della Catalogna: Salvator Dalì e Joan Mirò.

Redazione cultura

Due disegni di Salvador Dalì, stimati intorno ai  300.000 euro, che erano stati rubati il 2022  a Barcellona (in copertina) sono stati ritrovati e restituiti ai proprietari.

Il furto era avvenuto a gennaio dello scorso anno in un appartamento di pregio, situato in un quartiere di Barcellona riservato alla residenza dell’alta borghesia. 

Le indagini avevano portato gli investigatori a sospettare di tre fratelli, specializzati in furti con scasso. La polizia regionale catalana ha continuato a tenerli d’occhio fino a che non ha potuto mettere mano sui due disegni a carboncino. Il primo dei due raffigura contadini catalani ed il secondo ballerini tradizionali, un tema -quest’ultimo- particolarmente caro a Dalì.

A questo punto, gli inquirenti hanno chiesto la collaborazione della Fondazione Gala-Salvator Dalì alla quale sono stati temporaneamente consegnati per accertarne l’autenticità.

L’analisi tecnica ed i documenti forniti dai proprietari, hanno consentito agli esperti della Fondazione di poter accertare trattarsi dei due disegni che l’artista catalano realizzò nel 1922, all’età di 18 anni, quali illustrazioni del libro “Les Gràcies de l’Empordà “.

I tre fratelli ritenuti responsabili del furto, di età compresa tra i 50 ed i 55 anni, si erano più volte introdotti di nascosto nel medesimo palazzo, approfittando dell’assenza dei proprietari e si erano appropriati illecitamente di opere d’arte, monete da collezione e altri oggetti di valore.

Le indagini hanno portato al loro arresto, con altri due complici,nel maggio 2022. Al momento del fermo sono stati trovati inoltre in possesso di cinque opere presumibilmente realizzate da Joan Miró, 55 orologi ed altra refurtiva di valore. Ai cinque ladri di opere d’arte è stata concessa la libertà condizionata, mentre le opere di Joan Mirò attendono di essere autenticate per poter essere restituite ai legittimi proprietari.

Per seguirci su Facebook mettete il “mi piace” sulla pagina La Voce News o iscrivetevi al gruppo lavocenews.it. Contatti: direttore@lavocenews.it o info@lavocenews.it. Grazie.